webcam
Condividi
Home » Educazione ambientale » Per le Scuole » Progetti Speciali

Storie di uomini in guerra sulla Linea Gotica (cod. 9.4)

Escursione nei luoghi della memoria dell'ultimo fronte di guerra in Italia

Destinatari: scuola secondaria primo grado classi III

Si vuole avviare il processo interiore di rielaborazione dell'ultimo conflitto mondiale che vide coinvolte l'Italia e l'Europa. Al centro dell'attività c'è l'uomo-soldato, la sua vita da quando era civile fino a quando è arrivato al fronte, per concludersi alle problematiche legate alla rielaborazione del ricordo. Questi aspetti personali sono trattati dai vari punti di vista, alleato, tedesco e partigiano.
Si vuole focalizzare sul significato della scelta e delle conseguenze che ne sono scaturite.
Ci si propone di raccontare con i fatti la complessità della guerra - per quanto possibile - in tutti i suoi aspetti: economico, militare, sociale e personale, andando oltre le affermazioni superficiali legate all'orrore, alla brutalità o alla fatalità. Si vuole cercare di spiegare non solo come sia stato possibile arrivare a ciò, ma, soprattutto, focalizzare il cambiamento interiore delle persone coinvolte.
La guerra cambia gli uomini, cambia la percezione della realtà, cambia la scala dei valori e il ritorno alla normalità non è né semplice né scontato.
Parlare di storia, delle esperienze vissute da questi uomini-soldati serve a vedere la guerra da dentro ed emerge con chiarezza ed evidenza il messaggio di pace e il rispetto dell'altro. Scrive Freud: "Tutto ciò che fa sorgere legami emotivi tra gli uomini deve agire contro la guerra" (Sigmund Freud nella lettera di risposta a Albert Einstein, settembre 1932).

Finalità
Riflettere sulla complessità della guerra, raffrontando le varie esperienze personali dei protagonisti; meditare sulle problematiche legate al cambiamento interiore dei protagonisti e il loro difficile ritorno alla normalità; comprendere che dentro alle uniformi, o agli abiti civili, ci sono uomini, persone che hanno compiuto delle scelte; riflettere sul fatto che solo attraverso il racconto delle esperienze personali delle parti in conflitto può emergere con chiarezza il messaggio di pace.
Possibilità per le scuole della Provincia di Modena d'integrare l'esperienza con incontri in classe, quotazioni su richiesta.


Itinerario Parco del Frignano

Riva Ridge (Fanano): i luoghi della battaglia
La battaglia della Riva Ridge (Monti della Riva) fu combattuta il 18 febbraio 1945 e rappresentò l'avvio dell'Operazione Encore, che mirava allo sfondamento dell'ultima linea di difesa tedesca sull'Appennino tra Modena e Bologna. Il piano d'attacco fu basato sul "fattore sorpresa" e gli alpini della 10a divisione da Montagna americana (formata da provetti rocciatori ed atleti addestrati sulle montagne del Colorado) riuscirono nel compito loro assegnato, respingendo poi i numerosi e violenti contrattacchi dei soldati tedeschi; molte furono le perdite da ambo le parti. La Riva Ridge continuerà ad essere presidiata, nei mesi seguenti, da partigiani e soldati brasiliani, spesso impegnati a respingere nuovi attacchi tedeschi sotto i colpi dell'artiglieria.
Durata: uscita di 1 giornata nel Parco con laboratorio "Diorama 2.0"
e visita al Museo dei Monti della Riva di Trignano

 

Itinerario Parco dei Sassi di Roccamalatina

Pieve di Trebbio (Guiglia): i luoghi della battaglia
La proposta di visita prevede un'escursione nei luoghi dove ebbe luogo la prima importante battaglia della Resistenza modenese, quella di Pieve di Trebbio combattuta il 12 marzo 1944, primo importante scontro tra partigiani e militi della Guardia Nazionale Repubblicana nel modenese con perdite da ambo le parti. Durante l'esperienza, laboratorio interattivo del "Diorama 2.0" dove gli alunni, suddivisi in gruppi, lavoreranno sulla ricostruzione di alcune biografie di partigiani e militi della GNR.
Durata: visita di 1/2 giornata (3/4 ore) nel Parco con laboratorio "Diorama 2.0"

La scissione della brigata bolognese Stella Rossa (Zocca)
La proposta di visita prevede un'escursione nei luoghi dove la famosa brigata bolognese Stella Rossa si divise in due parti: la prima si diresse verso la Zona Libera di Montefiorino e una verso l'area di Monte Sole. Scelte che ebbero importanti conseguenze sul destino dei partigiani della brigata: i primi subirono il quasi totale annientamento durante la battaglia di Montefiorino, mentre i secondi rimasero coinvolti nella strage di Monte Sole. Durante l'esperienza, laboratorio interattivo del "Diorama 2.0" dove gli alunni, suddivisi in gruppi, lavoreranno sulla ricostruzione di alcune biografie di partigiani.
Durata: visita di 1/2 giornata (3/4 ore) nel Parco con laboratorio "Diorama 2.0"

 

Itinerario della Riserva di Sassoguidano

Sassoguidano: i luoghi della battaglia
La battaglia di Sassoguidano fu combattuta il 21 settembre 1944 e rappresenta uno dei più importanti scontri a fuoco tra partigiani e tedeschi dopo l'esperienza della Zona Libera di Montefiorino. Ci furono perdite da entrambe le parti, inoltre alcuni civili vennero fucilati dai soldati tedeschi. Durante l'esperienza, laboratorio interattivo del "Diorama 2.0" dove gli alunni, suddivisi in gruppi, lavoreranno sulla ricostruzione di alcune biografie di partigiani.
Durata: visita di 1/2 giornata (3/4 ore) nella Riserva con laboratorio "Diorama 2.0"

Cinghio del Malvarona
Cinghio del Malvarona
(foto di Archivio Ente Parchi Emilia Centrale)
Scheda prenotazioni
2019 © Parchi Emilia Centrale - Tutti i diritti riservati
ENTE DI GESTIONE PER I PARCHI E LA BIODIVERSITÀ EMILIA CENTRALE
Sede legale: Viale Martiri della Libertà 34 – 41121 Modena
C.F. 94164020367 • Part. IVA 03435780360
tel 059 209311 • cell 348 5219711 • fax 059 209803
info@parchiemiliacentrale.it • protocollo@pec.parchiemiliacentrale.it